Informazione-web.com
Scrivere Notizie, Comunicati Stampa Articoli di qualità in Italia

Lavorazione del vetro di Murano

Posted on : |

Molto antica è l’arte della lavorazione del vetro di Murano, infatti, il termine “murrino” venne coniato dall’abate Vincenzo Zanetti nel 1878 per indicare vasi e ciotole in vetro risalenti all’epoca romana, realizzati utilizzando sezioni di bacchetta, nel cui interno vi erano decorazioni di diverso genere, come sagome di animali, fiori o anche volti.

Questa tecnica di lavorazione del vetro fu smarrita durante il Medioevo e ripresa in parte nel XVI secolo.

Fu solo nel XIX secolo, ad opera di Vincenzo Moretti che la tecnica venne ripresa completamente riutilizzata, da allora con il termine “murrino” si indicano sia le sezioni di bacchetta, o canna, utilizzate dai maestri vetrai veneziani, sia l’oggetto finale che si ottiene.

Le bacchette per la fabbricazione degli oggetti in vetro di Murano si ottengono utilizzando diversi crogioli contenenti vetro colorato allo stato molle, mediante la punta di un’asta di ferro si preleva un po’ di vetro da ogni crogiolo nell’ordine desiderato e ricoprendo ogni volta il vetro del crogiolo precedente con quello del nuovo, ottenendo così un cilindro del peso di cinque o sei chilogrammi, il quale viene poi tirato ed allungato da due operai addetti a questa operazione, i “tira canna”.

Il risultato di questo procedimento è una bacchetta, al cui interno troviamo per tutta la sua lunghezza che può arrivare anche fino a cento metri, una murrina a cerchi concentrici, utilizzata per la realizzazione delle famose “perle millefiori in vetro di Murano”.

Mediante l’utilizzo di uno stampino di rame di qualsiasi forma, al cui interno vengono posizionate sezioni di bacchetta di vari colori e dimensioni, portate a fusione e poi molate, si possono ottenere dei veri e propri gioielli come pendenti e ciondoli dalle forme più bizzarre e dai colori vivaci, i primi a realizzare questo tipo di lavorazione del vetro di Murano ed utilizzarlo per la creazione di splendidi monili furono i titolari della “Ercole Moretti & F.lli” nel 1968.

Grazie all’incredibile passione e alla creatività dei maestri vetrai veneziani, la murrina è oggi sinonimo di eleganza e raffinatezza in tutto il mondo, contribuendo alla grande notorietà del Made in Italy.

Fonte delle informazioni sulla lavorazione del “Vetro di Murano”, è “Wikipedia” ed il catalogo prodotti della Ercole Moretti & F.lli”.

Puoi trovare alcuni dei monili del produttore Ercole Moretti nel nostro sito Bijoux artigianali (www.watchbijoux.com) in vetro di Murano.

Qui il video.

Condividi con un click su:
Category : Cultura